Juketown

Ogni stagione ha il suo vestito trash

 04 giugno 2019
  |  
 Categoria: Moda
  |  
 Scritto da: admin
maglione norvegese natalizio trash natale

Alla scoperta dell'armadio trash


Se cercate dei suggerimenti su come vestire in modo sobrio e socialmente accettabile, magari in occasione di incontri formali, questo articolo non fa certo per voi.


Parleremo infatti di tutto ciò che è fuori dai canoni dello stile classico ed elegante. Tratteremo di un armadio trash e appariscente, dunque bando alla moderazione e al buon gusto! Le occasioni di sfoggiare un look da urlo (per lo choc) non mancano di certo, ma probabilmente il peggio viene toccato in corrispondenza delle festività. Vediamo allora dei vestiti trash adatti per scandalizzare, divertire e disgustare chi ci sta vicino nelle varie ricorrenze.



Capodanno: Perizoma rosso


La notte di Capodanno è il momento in cui ci gettiamo dietro le spalle il vecchio anno e guardiamo in faccia quello nuovo. Tempo di bilanci e di speranze, tutto all'insegna del glamour e dell'eleganza, dello champagne e delle lenticchie, dei petardi e del... perizoma rosso.


perizoma rosso capodanno

Già, che gusto c'è ad andare al cenone di San Silvestro senza sfoggiare un bel capo di biancheria intima "trasgressiva"? E naturalmente deve essere rosso, visto che questo colore è tradizionalmente associato alla buona sorte per l'anno venturo. Quindi, se in passato ci si limitava a un banale paio di mutande, oggi se non indossi un bel perizoma rosso fiammante non sei nessuno.


Eh va beh, del resto uno sotto i pantaloni mette ciò che vuole, tanto gli altri mica lo vedono, giusto? GIUSTO?


Sbagliato!


Mettersi un tanga e non mostrarlo in pubblico toglierebbe tutto il godimento. Ecco allora che assistiamo a pantaloni e gonne con la vita bassa che, "casualmente", consentono un panorama a... 360°. E buon anno a tutti!



San valentino: vestitino rosso


Non solo fortuna: il rosso è anche il colore della passione istintiva e selvaggia, quel rapimento che travolge amanti giovani (e non) nei momenti più impensati. Dunque, quale occasione migliore di San Valentino per sfoggiare un vestito di questa tinta?



vestito rosso con cuori per san valentino

Vestito con cuori per lui e per lei. Azienda: Oppo Suits

Ogni 14 febbraio ristoranti, agriturismi e discoteche si riempiono di torme di coppiette pronte a fare follie. Forse inebriate dall'amore, alcune ragazze scelgono un outfit provocante con il classico,  striminzito vestitino rosso che lascia poco spazio all'immaginazione. Il confine fra look provocante e kitsch è molto sottile e non è raro imbattersi in spacchi vertiginosi o scritte oscenamente allusive piazzate in bella vista sul petto.


Ciò che conta per gli amanti è specchiarsi l'uno negli occhi dell'altra. Certi vestiti trash, però, li vedono tutti.



Carnevale: la maschera di Arlecchino


È Carnevale e morite dalla voglia di stupire i vostri amici con un costume sgargiante ma al tempo stesso tradizionale? La maschera di Arlecchino è ciò che fa al caso vostro!


Caratterizzato dal vestito a scacchi colorati, questo personaggio nato a Bergamo è un servo smaliziato e astuto che trama per sabotare i piani del suo padrone e ama alla follia la graziosa Colombina, corteggiata da molti. Arlecchino, erede del "diavolo" nelle commedie medievali, ravviva ogni party di Carnevale che si rispetti. Anche se, al giorno d'oggi, molte feste in maschera sono anche troppo vivaci.



Pasquetta: la tuta


I campi in fiore, le città d'arte, il primo pomeriggio di mare: Pasquetta è un'occasione per rilassarsi, magari divertendosi (meteo permettendo). Forse, fra tutte le festività principali, è quella dove il dress code è più informale. Alcuni però non si accontentano mai e decidono di strafare indossando addirittura la tuta. Diventata popolare negli anni ottanta perché indossata da calciatori e tennisti, in molti la indossano anche per uscire perché è comoda ma è anche quanto di più lontano esista dall'eleganza.


Provatene una, magari un modello vintage acetato color grigio e giallo, e non ve ne pentirete. Al massimo, se ne pentiranno gli altri.



Halloween: maschere



maschera trash halloween sexy

Foglie ingiallite, temporali, zucche illuminate da candele fanno da cornice alla lugubre festa di Halloween, un tempo limitata al mondo anglosassone e oggi popolare anche in Italia tanto da essere considerata un secondo Carnevale.


La notte del 31 ottobre i bambini girano per le strade del proprio quartiere mascherati da zombie e streghe, suonando i campanelli delle case e proponendo il classico "trick or treat", cioè dolcetto o scherzetto, e ricevendo cioccolatini e dolciumi. I ragazzi più cresciuti, invece, si radunano in abitazioni private per divertirsi in party in maschera a tema horror. Ai classici Dracula e Frankenstein si sono aggiunti numerosi personaggi di cinema e serie TV come la famigerata Harley Quinn.


Purtroppo (o per fortuna) molte persone non resistono alla tentazione di coniugare l'horror con il sexy e lo stravagante, scegliendo vestiti trash assurdamente provocanti. Minigonne troppo mini, scarpe con tacc0 15 e scollature sono frequenti nei party di Halloween.


Ferragosto: costume da bagno



costume da bsagno trash

La festività principale del periodo estivo è il Ferragosto, di solito celebrato al mare fra sabbia rovente e pedalò. Anche quest'occasione ha il proprio dress code: il costume da bagno, slip o boxer, a tinta unita oppure con una fantasia hawaiana.


Naturalmente, anche in un contesto informale in riva al mare c'è chi riesce a coprirsi di ridicolo indossando un due pezzi a forma di icona del cestino di Windows oppure un bikini dal pelo di tasso. Qualcuno direbbe che questo è il prezzo che bisogna pagare per la libertà, ma forse esagera. Forse.



Natale: il maglione norvegese



maglione natalizio trash natale

Eccoci giunti alla festa forse più amata e conosciuta del mondo: il Natale. Immersi nel tepore del caminetto e soddisfatti dopo un bel pranzo abbondante, vi preparate a scartare i regali mentre i bambini si rincorrono. Uno degli articoli più gettonati è il maglione di lana detto anche maglione norvegese, vero e proprio "must" di questa festività insieme ai calzini a rombi.


Questo indumento è originario degli insediamenti di isole e coste del Nord Europa, soprattutto fra sciatori e pescatori che li usavano per difendersi dal freddo e dalle intemperie. Un tempo caratterizzati da semplici motivi geometrici, negli ultimi decenni si sono trasformati in maglioni che non possono che strappare un'esclamazione di stupore divertito al nostro prossimo.


Luci al led, taschini multiuso: niente viene risparmiato nel tentativo di creare qualcosa di memorabile. I vestiti trash sono ormai incontrollabili.  E, se pensate che in fondo ogni esagerazione ha la sua ragion d'essere, date un'occhiata a questo modello che lascia il seno scoperto. Può darsi che ci ripensiate.


Navigazione
© 2011-2019 - JukeTown.it - Tutti i diritti riservati - Note Legali